bimbo autunno foglie

Dal verde al giallo,  passando per l’arancione ed il marrone, sono questi i colori dell’autunno che sta per arrivare.

Come i colori iniziano a diventare più cupi così anche le ore della giornata “si accorciano” ma questa stagione è ricca di festività, che vanno dal solstizio d’inverno ad Halloween perchè bisogna anche ricordare che è la stagione dei raccolti, dalla vendemmia e delle castagne.

Insomma il vostro bimbo sarà più contento se lo porterete alla vendemmia a calpestare l’uva, ad esempio, ipiuttosto che stare in un passeggino.

D’altro canto anche per i genitori è un bel periodo in quanto tra Oktoberfest e Halloween non mancheranno occasioni di divertirsi in compagnia.

Ma insieme alle cose belle ci sono anche quelle meno belle, l’inizio dei primi freddi, il cambio di temperatura, possibili prime febbri, raffreddori etc.

Come vestiremo il nostro bambino? Da mostriciattolo o angioletto?

Vediamo ora qualche consiglio pratico per questa magnifica stagione.

Vestire il bambino nei diversi momenti della giornata

Le ore di luce iniziano a scarseggiare, le nuvole iniziano a riempire i cieli e le foglie a cadere dagli alberi, dietro questo scenario fantasioso ricco di misticità, a volte ci perdiamo in questo spettacolo naturale e guardando il nostro bimbo ci troviamo davanti a mille interrogativi, i medesimi che ci avevano afflitto durante la primavera.

L’autunno essendo anch’essa una mezza stagione, ci porta molte ansie.

Questa stagione è la più indicata ad uscire quotidianamente anche se fa un po freddino, proprio perché i cambiamenti non sono così repentini, il bambino si potrà abituare più facilmente alle temperature, pertanto non dovremmo imbottirlo, anzi un abbigliamento a strati è anche in questo caso il più indicato.

Vediamo ora nello specifico cosa far mettere al nostro bebè in questa stagione.

Come vestirlo la mattina

Siccome l’autunno è meno birichino della primavera, non avremo molte difficoltà a scegliere l’abito adatto al nostro bebè.

Le temperature saranno leggermente più miti rispetto all’estate , si passa dai 13° ai 23° sulla costa e dagli 8° ai 12° nell’entroterra.

La mattina le temperature non sono così fredde, anche perché in casa si ha sempre una costante di 20°, il problema è quando si uscirà fuori.

Considerate che in massima la mattina presto le temperature sono fresche per poi aumentare fino alle 15 e durante la sera si ritorna a temperature più miti.

sarebbe opportuno comunque sentire le previsioni del meteo e regolarsi.

In ogni caso vi diamo delle dritte su cosa far mettere al vostro bebè.

  • Magliette in cotone
  • Felpe in cotone
  • Tutine a manica corta e a manica lunga
  • scarpine in maglia o all’uncinetto della nonna

 

Come vestirlo il pomeriggio

Le ore pomeridiane sono dedicate alla pennichella, ed è l’arco della giornata dove ci si concede qualche ora di riposo, sebbene le mamme spesso non ne abbiano mai!

Da qualche anno a questa parte si è giunto alla parità dei sessi in campo di maternità, come la madre può concedersi un periodo più o meno lungo di maternità, così anche il padre ha diritto al suo periodo di paternità.

Una madre, sebbene sia molto stanca in questo arco della giornata non perde di vista su come accudirlo al meglio, vediamo come veste il suo bebè:

  • bavette in cotone, di solito c’è sempre uno di riserva poiché quando il bimbo dorme, può capitare che sbavi, quindi va pulito di volta in volta.
  • Lenzuolino in cotone
  • calzini in maglia o all’uncinetto
  • body in cotone a mezza manica

Come vestirlo la sera

La sera, come si sa, le temperature scendono quindi se si ha intenzione di uscire col bebè bisogna che lo vestiamo un po’ più pesante.

Vediamo come :

  • leggings unisex*, di questa tipologia se ne trovano di tutti i tipi, alcuni molto appariscenti, sono molto pratici e mantengono costante la temperatura corporea.
  • le mantelline, che siano di cotone, di velluto o di lana , si usano per mantenere più caldi i bebè , si tolgono facilmente e danno un tocco di classe.
  • collant due in uno, è un particolare capo d’abbigliamento dove vede il pantalone e le scarpe cucite insieme, molto comodo e molto pratico, fa si che non ci siano parti del corpo scoperte.
  • Tutina* a manica lunga con una felpa.
  • bavette*

*questi articoli ,di solito, è consigliabile averne sempre uno di ricambio per sostituirlo dopo la cena se si sporca.

Halloween

Mummie, vampiri ed altri mostri festeggiano il 31 ottobre, è una festa pagana che simboleggia l’abbondanza della stagione ma che è stata trasformata in una festa per mostri grazie alla storia di Jack-O’-Lantern.

L’origine di tale festa è da ricercarsi in terra anglosassone e sebbene il senso di tale festa sia stato leggermente distorto, oggigiorno si festeggia andando a bussare alle porte, travestiti da mostri, e dicendo la classica frase “dolcetto o scherzetto?

Molte famiglie hanno deciso di cimentarsi in questa festa, travestendo il proprio bebè da zucca o altro, ebbene per l’occasione si possono trovare costumi che oltre ad essere carini ed esilaranti siano anche funzionali, ovvero proteggono la salute del bebè.

Tali articoli si trovano, a prezzo conveniente, per lo più su siti e-commerce ma attenzione a come sono prodotti, se ci sono parti plastiche sporgenti meglio evitarle in quanto il bebè , specie nei primi mesi di vita, mette in bocca qualsiasi cosa gli capiti sotto tiro.

Controllare anche di che tessuto siano fatti, magari ci sono alcuni tessuti che possono fare allergia.

Attenzione anche ai dolci, di solito la grandezza può essere pericolosa poiché può causare soffocamento nel bambino una volta che se l’è messo in bocca.

Oltre alla grandezza c’è anche da considerare gli ingredienti dei dolci, magari il bebè può essere allergico a qualche ingrediente.

Se volete passare una serata tra dolci e scherzi, siate prudenti e  in un’ottica di prevenzione meglio far fare un Prick test, se proprio volete essere sicuri al 100% fategli fare un Rast test.   

Share

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *