cambio pannolino

Le prime volte, il cambio del pannolino al vostro bimbo può risultare un po’ più difficile, ma niente paura! È tutto normale e, naturalmente, da qualche parte bisognerà pur cominciare. Con qualche piccolo consiglio ed un po’ di pratica in materia, comunque, imparerai velocemente a cambiare il pannolino del tuo bambino in modo sicuro ed igienico!

Come allestire un fasciatoio

In questo caso, essere preparati è la parola d’ordine. Infatti, è meglio tenere tutto da parte già in anticipo così da poter fare tutto con più praticità;

Se siamo fuori casa, assicuriamoci che ci siano ripiani da poter utilizzare come fasciatoi; ad ogni modo sarebbe preferibile riuscire a portare con sé un fasciatoio portatile così da riuscire a rendere piana qualsiasi superficie vogliamo per cambiare con tranquillità il nostro bambino. Teniamo tutto a portata di mano: come è facilmente intuibile, una volta iniziata la pratica del cambiare il pannolino al bambino, non sarà possibile riuscire a muoversi dalla postazione; pertanto, sarà preferibile avere tutto ciò che ci serve a portata di mano. Per allestire una posizione fasciatoio ci serve:

  • Pannolini puliti
  • salviette detergenti
  • panni o asciugamani puliti
  • un ricambio di vestiti e mutandine
  • talco
  • pomata all’ossido di zinco

Un’ulteriore consiglio è quello di testare tutto a casa prima di uscire con il vostro bambino. Infatti, potrebbe essere possibile che il piccolo soffra di allergie a qualche componente delle salviettine detergenti o che i materiali del pannolino possano dargli fastidio. Ciò che consigliamo di fare è di porre un occhio di riguardo in più a casa per non farci trovare impreparati quando usciremo fuori con il nostro piccolino!

Come si fa?

Innanzitutto, il cambio del pannolino non deve essere vissuto come un incubo o un momento di stress. In realtà, questo è un momento di grande intimità che abbiamo col nostro piccino che ci aiuterà a farci stabilire un legame ancora più profondo con lui. Anche mentre lo cambiate, non risparmiategli qualche coccola: parlategli con voce tenera, accarezzatelo e sorridetegli. Ciò infatti servirà a calmarlo riuscendo a facilitare così le varie manovre. Ma passiamo adesso alla pratica. Prima di tutto, ancora prima di iniziare, lavate bene le mani.

Step 1 – Togliere il pannolino usato!

Poggiate il bambino su una superficie piana. Che sia un fasciatoio (sono preferibili quelli impermeabili, che sono imbottiti, sicuri, e comodi per entrambi)o un tavolo, assicuratevi ad ogni modo che il piano sia asciutto e soprattutto non freddo al tatto, dopodiché poggiatevi in prossimità del bordo più vicino ai piedini del bimbo, nella tua direzione.

  1. A questo punto, toglietegli prima tutti i vestiti.
  2. Lasciate il bimbo tranquillo per qualche momento prima di iniziare a procedere con il cambio. Può infatti accadere che il bimbo, anche se piccolissimo, può sentirsi a disagio! Se così fosse, ad ogni modo, te lo farà capire.
  3. Prepariamo un pannolino pulito e mettiamolo in posizione; con il bimbo posto davanti a noi, prendiamo un pannolino pulito e diamogli un’occhiata: come possiamo notare, è composto da una parte anteriore ed una posteriore con le linguette. Afferriamolo con quelle tenendo la parte anteriore inarcata verso di noi.
  4. A questo punto, teniamo ancora il pannolino sporco all’interno e facciamo scivolare quello pulito sotto la schiena del bambino tenendolo per le caviglie, in modo tale che possa riuscire ad essere sia un’imbottitura in più per la schiena del bimbo e sia un cuscinetto tra il pannolino sporco e la superficie del piano (ad ogni modo, se il pannolino è molto sporco, potrebbe essere comunque preferibile mettere un asciugamano pulito sotto o delle salviette prima di procedere.
  5. Controllate che il pannolino pulito sia posto bene sotto la schiena del bimbo. Ciò infatti renderà più pratico il cambio dopo.
  6. Sfila il pannolino sporco. In questo caso, controllate di avere il cestino dell’immondizia oppure un contenitore dove riporlo velocemente, perché meno si maneggia con il pannolino sporco e meglio è, soprattutto per una questione igienica. Ricordate anche di tenere fermo il bambino, anche mentre ci stiamo sbaranzzando del pannolino sporco!
  7. Apriamo le linguette adesive del pannolino sporco e chiudiamole una volta finito. Se è un maschietto, consigliamo di coprirlo con una salvietta, in quanto i bimbi maschi tendono a fare la pipì durante il cambio!
  8. Facciamo attenzione affinché lo sporco non tocchi mai la pelle del bambino o che, almeno, non lo faccia ulteriormente.

Step 2 – Lavare il sederino del bambino!

Con delle salviette umide, una garza o un panno umido puliamo il nostro bambino. Non utilizziamo nulla di nemmeno vagamente ruvido o abrasivo! Infatti potremmo irritare la pelle del bambino. Facciamo particolare attenzione a pulirlo in modo molto accurato, controllando ogni piega della sua pelle per riuscire a prevenire irritazioni ed infezioni.

  1. Mentre puliamo il bambino, cerchiamo di fare dei movimenti che vanno dal davanti verso il dietro, soprattutto se si tratta di una femminuccia, per evitare infezioni.
  2. Durante questa pratica, tieni sempre sollevato il sedere del bambino per riuscire a controllare che sia perfettamente pulito.
  3. Lasciatelo all’aria per qualche secondo: infatti, mettergli subito il pannolino sulla pelle umida dopo la detersione potrebbe comportare arrossamenti e fastidiose irritazioni, pertanto è meglio aspettare che la sua pelle si asciughi autonomamente. Se ciò non dovesse accadere perché magari è un po’ troppo umido, aiutatevi con un asciugamani.
  4. Per prevenire arrossamenti, mettete un po’ di crema allo zinco o talco sul sederino prima di infilargli il pannolino pulito.

Step 3 – Mettiamo il pannolino pulito!

Prendiamo il pannolino pulito per le due linguette laterali e tiriamolo fin sopra la vita del bambino, facendo sì che non sia troppo stretto attorno alla vita e che l’increspatura si mantenga attorno alle gambe per scongiurare eventuali fuoriuscite (che potrebbero causare altre irritazioni).

  1. In commercio esistono pannolini pensati specificamente per ogni età; esistono quelli fatti apposta per i neonati, quelli per i primi mesi, e adesso addirittura quelli per maschietti e femminucce che si adattano perfettamente al loro corpo e alle loro esigenze!
  2. Quando cambiate il pannolino, assicuratevi che il bimbo abbia le gambe ben aperte così da poter evitare che il pannolino si ammassi tutto da una parte durante la giornata.
  3. A questo punto, fissiamo il pannolino con le linguette et voilà! Il gioco è fatto!
Share

Potrebbe interessarti anche